HOME NAXOS ANDROS KOUFONISSI
HOME
NAXOS
ANDROS
KOUFONISSI
PAROS
ANTIPAROS
SANTORINI
MYKONOS
LESVOS
CEFALONIA
SAMOS
KOS
mappe
link amici
 


Qualche scatto
di Paros:





































































































NAOUSSA:






















                        


















Sapori di Paros:










Prodotti tipici e formaggi










Pikilìa di antipasti










La fava


                   










Calamari alla griglia









Le nostre taverne preferite:













Taverna Siparos
Località Xifara
(golfo di Nàoussa)













Taverna Ephessus 
sulla spiaggia di Livadia (Parikia)









































 
L'isola cicladica bianca... 
come il marmo

Agosto 2015.
L'isola di Paros è certamente nota per le sue spiagge dorate ed il mare turchese, ma il colore predominante è certamente il bianco splendente delle sue case, delle strade, delle chiese, e del suo marmo.

La storia antica e moderna di Paros è strettamente legata al marmo; la realizzazione dei primi oggetti in marmo risale all'epoca neolitica (tra il 3200 e il 2000 a.C.) proprio nelle Cicladi,  e soprattutto a Paros, con una produzione artistica di piccoli idoli e di bellissime sculture della civiltà cicladica. Il pregiato marmo bianco pario è una grande ricchezza per l'isola ed è considerato il più bello e candido dei marmi statuari: nel periodo di massimo sviluppo dell'isola, tra il 480 e il 167 a.C., dai laboratori emergono lavori come la statua della Nike di Samotracia ora conservata al museo del Louvre, l'Afrodite di Milos e altre tra le più famose sculture classiche.

Data l'abbondanza e la bellezza di questo materiale bianco candido, a Paros prosperò una importante scuola di scultori, furono costruiti magnifici edifici in marmo, il tempio di Apollo a Delios e il tempio di Esculapio a sud di Parikia.

Si possono vedere  ancora oggi le antiche cave di marmo, curiosare tra i siti archeologici sull'isola, visitare il piccolo Museo Archeologico di Parikia che espone tra l'altro eccellenti sculture (sul quale però torniamo più avanti);    o più semplicemente passeggiare tra le stradine linde  di Naoussa e di Parikia, o cercare le numerose chiese appena imbiancate sparse per tutta l'isola,  

Grecia

o fare interi servizi fotografici  agli scorci nei candidi villaggi interni..... il BIANCO splendente comunque è una costante a Paros, nel più classico stile cicladico, e in contrapposizione con il BLU del cielo, del mare, delle seggiole delle taverne, delle cupole delle chiesette... BIANCO e BLU, proprio   come   la  bandiera   greca,   e  a Paros  i colori  e  l'atmosfera   sono  la  rappresentazione  della  Grecia  più  classica!



PAROS_mappa

Ma veniamo all'isola! 

Paros è la terza delle Cicladi per dimensioni, dopo Andros e Naxos, e si trova proprio al centro dell'arcipelago; ha un territorio prevalentemente pianeggiante, con ampie zone coltivate a patate, cereali, olio e vino, anche se ormai la maggior parte dei suoi 13.000 abitanti oggi lavora nel turismo.


Da frequentatori abbastanza assidui delle Cicladi, avevamo pensato più volte di sbarcare a Paros, ma la fama di isola un po' modaiola, più mondana di quelle che solitamente preferiamo noi, non ci aveva ancora spinti a sceglierla tra le tante; e invece... siamo felicissimi di averla scoperta e apprezzata con entusiasmo! Siamo stati perfino sorpresi di quanto ci sia piaciuta!

Per quanto sia meta di tantissimi turisti, soprattutto italiani e francesi, e nonostante alcune spiagge siano un po' troppo affollate per i nostri gusti, Paros ci  ha  conquistati  con  la  semplicità  che  ha  saputo  mantenere:  la gente è sempre cordiale e accogliente, la cucina è ricca di ricette tipiche e usa i prodotti locali, i villaggi conservano il loro stile architettonico inconfondibile e la gente mantiene le tradizioni in una miriade di feste popolari, di balli, di mostre d'arte e associazioni culturali, che non vengono offerti come valore aggiunto ai turisti, ma che sono il patrimonio autentico di una popolazione vivace.

L'aspetto più gratificante della nostra vacanza a Paros è comunque l'insieme delle sue numerose SPIAGGE, presenti su tutti i tratti della costa, da nord a sud, diverse tra loro per caratteristiche, dimensioni, paesaggi, ma con un elemento comune: sabbia dorata e mare meraviglioso!!!

Le STRADE sono sempre ben tenute, con segnaletica orizzontale e stradale mediamente migliore rispetto alla situazione di altre isole greche. Le strade principali sono facili da individuare e toccano tutte le località interessanti; le deviazioni che portano alle spiagge talvolta sono sterrate, così come alcuni tratti che corrono lungo la costa, ma sempre in buone condizioni e percorribili da qualsiasi mezzo.

La conformazione morfologica dell'isola, in prevalenza pianeggiante o collinare, con le coste basse, permette una circolazione agevole e veloce. Noi preferiamo l'auto per le nostre vacanze (che abbiamo prenotato online su Rentalcars.com risparmiando qualcosa e ottimizzando i tempi di consegna), ma anche quad e motorini sono più che sufficienti per girarla bene. 

La dimensione media di Paros (le sue coste sono lunghe circa 120 km) permette di raggiungere le spiagge e i villaggi in pochi minuti; spostandosi da un luogo all'altro si incontrano paesaggi sempre diversi, nascosti dietro le sue coste frastagliate che si confondono con le isole e le isolette che la circondano. Spesso però i tempi dei nostri spostamenti si allungavano, non tanto per il traffico sempre nei limiti ragionevoli, ma proprio perchè dietro ogni curva si svelava un paesaggio che meritava una sosta e almeno una foto!

Per chiudere il discorso “logistico”, non abbiamo mai avuto alcun problema di parcheggio, e considerato che siamo stati in pieno agosto, non è un elemento da tralasciare: parcheggi liberi e ampi ovunque, magari sterrati, ma sempre segnalati.

Paros_Lefkes

Un aspetto che ci ha colpito è la presenza a Paros di molti sentieri e stradine, a volte veri e propri percorsi di trekking, ben segnalati dai classici cartelli marroni con le indicazioni dei tempi di percorrenza, che sono spesso le antiche strade bizantine che collegavano i villaggi. 

I percorsi sono comunque facili, perchè il territorio non è particolarmente scosceso o montuoso; vengono organizzate anche escursioni o semplici passeggiate di gruppo, ma principalmente fuori stagione, quando le temperature non sono eccessivamente calde. Per chi ha la fortuna di fare un viaggio a Paros in Primavera, oltre al bellissimo mare, c'è tutto un territorio da scoprire con camminate nei paesi interni montani come Lefkes (nella foto sopra), o nella penisola di Ai-Yannis sulla punta settentrionale, divenuta Parco ecologico e culturale nel 2009, che riserva colori e una biodiversità difficili da ritrovare in piena estate.

Arriviamo  nello  specifico alla  nostra vacanza  durata una settimana, dal 19 al 26 agosto.   Abbiamo deciso di soggiornare a Parikia, la capitale, nonché porto principale di tutte le Cicladi, proprio per la comodità dei trasporti e per la sua posizione centrale.

A febbraio abbiamo prenotato al RAGOUSIS APARTMENTS tramite Booking.com, in posizione comodissima per la spiaggia di Livadia,  a circa 200 metri.

Paros_Ragousis_Apartments

Anche se un po' decentrato rispetto al centro della città, è l'ideale se avete un mezzo autonomo, in quanto c'è un parcheggio enorme proprio davanti alla struttura. Offre il servizio di transfer gratuito all'arrivo, e la signora Dèspina ci ha accolti al porto con molta simpatia.

Lo studio risponde in pieno alla descrizione trovata sul loro sito, inclusa la macchina del caffè con le cialde Nespresso,  che abbiamo gradito molto; e la pulizia giornaliera era impeccabile! Se proprio dobbiamo trovare un piccolo difetto, ci è mancata la relazione personale con il titolare, le quattro chiacchiere che cerchiamo di fare in greco per quel poco che ci serve come allenamento linguistico.... Non lo abbiamo mai incontrato perchè la reception apriva solo la mattina dopo le 9,30.. e noi invece partivamo per le nostre belle gite alla scoperta di Paros sempre presto!

E' stato molto emozionante in effetti raggiungere i villaggi ancora assopiti e le spiagge deserte,  ci siamo goduti così semplicemente i luoghi cicladici nel loro candore, con i profumi ed i colori del mattino!

Bastava anticipare le masse dei turisti italiani e francesi che si muovono spesso a metà mattina; arrivare prima dei greci è più facile, perchè i loro movimenti iniziano verso le 13, 14...













IL NOSTRO VIAGGIO

Vi raccontiamo adesso i luoghi e le spiagge della nostra vacanza, nell'ordine in cui li abbiamo visti, un ordine spesso dettato dalla intensità e dalla direzione del VENTO... altro elemento che caratterizza il soggiorno a Paros, e non potrebbe essere diverso in questa bellissima isola delle Cicladi in mezzo all'Egeo!

LEFKES:   In greco  significa  "bianco", ed in effetti è il tipico paese cicladico, che più classico non si può! 

Paros_-_LEFKES

Lefkes  è stata  la meta della nostra prima mattina.   E' il villaggio più alto di Paros, anche se a soli 300 metri, e si estende alle  pendici del  monte  Profitis Ilìas (dove c'è la chiesa di Agii Pantes), la montagna più alta dell'isola con i suoi 750 metri circa.


Sopra il paese vi è una bella pineta verde e si può lasciare l'auto in questa zona alta e panoramica e iniziare da qui una bella passeggiata.  E' un paese molto grazioso, di un bianco accecante; qua e là abbiamo incontrato delle signore che passavano il tempo ad imbiancare i muretti o le stradine. Vi sono negozietti invitanti, taverne con incredibili cascate di bouganville, angoli tutti da scoprire con le porticine delle case blu e i gattini che sonnecchiano tra un vaso e l'altro.  E' una classica cartolina cicladica, un posto tranquillo, allo stesso tempo turistico e rilassato.   

Paros_Lefkes_1















Paros_Chiesa_della_Trinita%27

Ma la cosa più imponente, che si aggiunge alle tante chiesette bianche nascoste tra le vie, è la grande Chiesa della Trinità (Agìa Triàda)  costruita tra il 1830 e il 1835 in marmo, e ristrutturata negli anni '70. I due campanili che la incorniciano sono bellissimi; l'interno, che purtroppo non si può fotografare, è solenne, riccamente arredato, con un bellissimo soffitto affrescato.

Paros_1

Da qui si ha una vista sulla costa ovest di Naxos che è davvero spettacolare in una giornata limpida;  Agios Prokopios, Agìa Anna, Plaka... le belle spiagge di Naxos sembrano vicinissime al di là del mare!


Di sera è un paese vivace e allegro; noi ci siamo capitati durante un Festival di jazz, un evento musicale di due giorni che richiama gli appassionati del genere, e abbiamo cenato alla Taverna Clarinos, al primo piano sopra una panetteria, con vista sulla piazza: tipica taverna greca con ampio menù di carne e diversi piatti tipici di Paros, come le lumache.

MOLOS:  è ora di andare un pò in spiaggia, e la prima che abbiamo scelto tra le tante è Molos. Arrivando dal centro dell'isola si devia all'altezza di Prodromos per Marmara per circa 1,5 km. E' una baia ampia e circolare, molto lunga, con il mare tranquillo nelle giornate non ventilate. Il fondale è di sabbia finissima e morbida ed è basso per parecchi metri, motivo per cui la zona è molto frequentata da famiglie con bambini. 

Paros_spiaggia_di_Molos

La spiaggia è stretta e lunga, parallela alla strada, non troppo affollata; è completamente selvaggia, non attrezzata,  ha solo un chiosco che affitta tavole da windsurf. La baia di Molos, quando soffia il meltemi, si anima di vele colorate, ma noi l'abbiamo vista come una enorme gigantesca piscina, con l'acqua calma, trasparente e perfino tiepida!

La baia è delimitata alle estremità da due chiesette. A nord vi è una chiesetta bianca con la classica cupola azzurra che domina la spiaggia (foto); dalla chiesetta a sud invece la strada sterrata prosegue  e raggiunge dopo circa 300 metri la spiaggia di Kalògeras.


KALOGERAS: (o Kalògiros, o Kalògeros... a seconda delle mappe o dei cartelli) si raggiunge comodamente in auto. Un cartello avvisa che possono arrivare "grandi onde": al passaggio delle navi le onde possono ricoprire interamente la spiaggia che, in effetti, non è molto ampia, ma abbastanza lunga.  Non vi sono servizi di alcun tipo,  la spiaggia è libera ma parecchio affollata per la sua particolarità: le rocce che la incorniciano sono di origine argillosa, e per tale motivo vi è la possibilità di cospargersi il corpo di fanghi salutari. 

Paros_Kalogeras

Il fondale è di ghiaia, quindi il mare è trasparente ed i colori delle pareti di roccia sono variegati, dal rossiccio al grigio al giallo ocra. Non ci siamo fermati, ma vale la pena curiosare la caratteristica morfologica, a meno che non si voglia approfittare di un fango gratuito!

TSOUKALIA:  è una spiaggia a nord di Molos, divisa da questa dal capo "Akrotiri Antikefalos", un promontorio alto 170 metri a forma di cono appuntito.  E' una spiaggia di sabbia non attrezzata, selvaggia come le altre della zona, che offre l'ombra delle sue tamerici, molto tranquilla da visitare in giornate non ventose. 

Paros_spiaggia_di_Tsoukalia

Il fondale è pietroso, misto ghiaia. L'aspetto che più ci è piaciuto è la vista sulla città di Naxos, proprio di fronte, si riconoscono le singole case ed il profilo dei suoi promontori. Questa spiaggia è comodissima, si lascia l'auto e si scende direttamente a fare il bagno! 


Abbiamo avuto un piccolo dubbio sulla individuazione della spiaggia di Tsoukalia, ma abbiamo inteso che siano due lidi vicini e simili tra loro, uno senza servizi e uno con la omonima taverna che offre anche studios, caratterizzata da una piccola chiesetta bianca nel cortile.

GLIFADA: poco più a nord, sempre attraverso lo sterrato che costeggia il mare, abbiamo raggiunto la spiaggia di Glifada. E' una striscia di costa selvaggia e deserta. Non ci ha entusiasmato,  e quindi abbiamo proseguito verso casa.

Anche il secondo giorno il vento è debolissimo, ne approfittiamo per continuare l'esplorazione della costa est, andando però più a sud.  Tutta la costa est è particolarmente esposta al vento da nord, quindi è preferibile visitarla in assenza del meltemi. 

PRODROMOS: prima tappa della giornata in questo bianchissimo villaggio. La strada principale interna gli passa proprio accanto e sarebbe un vero peccato non fermarsi. Alle 10 del mattino abbiamo fatto la passeggiata più rilassante che si possa immaginare! 

Paros_Prodromos

Lasciata l'auto nel parcheggio all'inizio del paese, in una piazza contornata da belle villette, si entra attraverso una arcata di un comprensorio religioso nel paesino suggestivo e lindo, tutto da girare a piedi per scoprire gli angoli di ogni via, le casette bianche e blu ben curate e abbellite da decorazioni in perfetto stile cicladico.  Al di là di due kafenion ancora a riposo, un negozietto e una taverna all'inizio del paese, non vi sono altri luoghi per lo shopping, ma qui la vita scorre tranquilla e silenziosa tra queste graziose piccole case.  

Immerse nel villaggio e un pò nascoste alcune chiesette rigorosamente bianche; la più importante tra queste è la Chiesa di San Giovanni Battista (Agios Ioanni Pròdromo, che dà il nome al paese) che però abbiamo trovato chiusa.

GOLDEN BEACH:  continuando il giro delle spiagge sulla costa sud-est, facciamo una breve sosta, soprattutto per curiosità, sulla famosa spiaggia di CHRISI AKTI, più conosciuta come Golden Beach, una bella e ampia spiaggia di sabbia "dorata", con il mare cristallino, molto movimentata e allegra, frequentata dagli sportivi che praticano windsurf, considerata da molti la più bella e popolare spiaggia di Paros.

Paros_spiaggia_Chrisi_Akti_(Golden_Beach)

In una giornata come oggi, la totale assenza del meltemi non richiama velisti e surfisti, quindi la zona è tranquilla. Non ci siamo fermati, ma abbiamo comunque ammirato la bellezza di questa lunga baia vivace, che ha alle spalle eleganti hotel e beach bar.


DRIOS:  poco più a sud ci siamo fermati in questa piccola località di mare, che una volta era un semplice villaggio di pescatori. 

Paros_Spiaggia_di_Drios

La spiaggia è di ciottoli, chiusa da lastroni di roccia e con un piccolo porticciolo di pescatori subito dietro l'angolo.  Non ci incanta, ma questo piccolo angolo di Paros è perfetto per un bel pranzetto in una delle sue taverne panoramiche.


Paros_Taverne_a_DRIOS

Sulla terrazza, all'ombra degli alberi, la più carina e "grecissima" è la Taverna To Kima (L'Onda) con le sue sedie blu, i muri dipinti e la fila di polpi appesi ad essiccare.... peccato che non ci siamo capitati all'ora di pranzo! 



LOLANDONIS:  Ancora più a sud, procedendo per una stradina stretta ma asfaltata  lunga circa 1,5 km, seguendo per Lolandonis, si raggiunge una bella spiaggetta selvaggia di sabbia, con alcune tamerici alle spalle, di circa 200 metri, con il mare turchese dai riflessi verde smeraldo.

Paros_Spiaggia_di_Loladonis

Frequentata prevalentemente da famiglie, abbiamo trovato stranamente un pò di greci, oltre agli immancabili francesi e italiani. Il posteggio per l'auto è comodo, ma soprattutto è invitante la taverna "En Plò" (dal curioso nome  "navigando") con i tavolini e le sedie bianchi, in posizione panoramica, dove si mangia il pesce fresco cotto sul momento. Qui abbiamo pranzato in pieno relax guardando il mare e ascoltando la musica, e scrivendo alla fine il diario della giornata sorseggiando il nescafè frappè! 

GLYFA e TRIPITI:  proseguendo ancora più a sud, nel tratto di costa immediatamente prima della punta meridionale di Capo Fanos (Akrotiri Fanòs) vi sono due spiagge ben segnalate: la prima è Glyfa, una tranquilla caletta sassosa e non attrezzata,  la seconda è Tripiti, invece più ampia e sabbiosa, anch'essa non attrezzata.

Le due spiagge sono agevolmente raggiungibili in auto, e sono anche collegate tra loro da una stradina sterrata di poche centinaia di metri. Dopo aver passeggiato per decidere quale ci piaceva di più, abbiamo optato per la baia di Tripiti (nella foto sotto) e la sua spiaggia di sabbia fine grigia con qualche pietra sparsa.  

Gli alberi in fondo fungono da ombrellone per alcune famiglie già sistemate. Il fondale è di ghiaia ed il mare è calmo, in questa giornata di lieve venticello; anche nelle giornate di forte meltemi comunque dovrebbe essere più riparata rispetto alla costa sud-est.


NAOUSSA: arrivo alle 9 del mattino in questa famosa "cartolina cicladica"! Il paesaggio in avvicinamento garantisce begli scorci, la costa a nord è irregolare, con baie e insenature, e Nàuossa si svela pian piano.  

Paros_Naoussa_porticciolo

A quest'ora del mattino è pigra, le attività quotidiane iniziano lentamente, i negozi stanno aprendo e le grandi taverne sul mare hanno le grandi distese di seggioline bianche e azzurre ben allineate e deserte. Bellissimo passeggiare in questo silenzio!


Paros_Naoussa_pescatori

Solo i pescatori sono in piena attività, ormai da molte ore, e stanno già preparando le reti per la pesca del giorno dopo. Nàoussa  è cambiata molto negli ultimi anni, si è data una veste più chic, le case sul porto si sono trasformate in locali per i turisti, ma i suoi porticcioli, incorniciati da taverne e bar, sono rimasti comunque esclusiva dei pescherecci e delle piccole barchette in legno colorate. Questo quadretto di barche dipinte di blu e di rosso, arrivando dal mare, è una vera scenografia spettacolare!

Paros_Naoussa_Madonna_della_Dormizione

Nàoussa è dominata dall' imponente Chiesa della Panaghìa, (Madonna della Dormizione) enorme e bellissima, che si scorge alta da qualsiasi direzione si arrivi. Salendo la scala bianca che parte dal centro, arriviamo in due minuti alla Chiesa, che purtroppo è chiusa: sono in corso i lavori decorativi del portale per la festa in programma la sera (22 agosto). Anche il pope, che gentilissimo ci fa gli auguri per la festa e ci chiede da dove arriviamo, ci dà appuntamento per le ore 20.


La città sta preparando la Rievocazione dei Corsari del 23 agosto, un evento importante che dura due giorni con incontri, giochi, balli e lo sbarco dei pirati... che abbiamo visto tornandoci la sera dopo, vedendo così anche l'anima festosa e vivace della città.  

Paros_Castello_veneziano

Abbiamo cercato il Museo del Folklore, ma è chiuso, apertura dalle 19 alle 21; in effetti al mattino qui è tranquillo, ritmi lenti, e i turisti sono altrove. Si può vedere ciò che rimane di un antico Castello Veneziano del XIV sec, i cui resti sono parzialmente sommersi dall'acqua del mare (foto).


Paros_Naoussa_1Sicuramente l'anima più  commerciale e turistica non si percepisce al mattino, ma si immaginano facilmente  queste belle e candide stradine brulicanti di turisti la sera. E' stata una passeggiata immersa nel bianco, bellissima e rilassante, in una giornata di sole leggermente ventilata, l'ideale per godersi Nàoussa, che invece non deve essere il massimo quando è battuta dallo sferzante meltemi da nord.


La sera del 23 siamo tornati per la "Notte dei Corsari"; per due giorni organizzano eventi legati alla Rievocazione storica degli attacchi dei pirati all'isola: iniziative culturali, visite guidate ai Musei della città (museo del Folklore e museo Bizantino), mostra fotografica al Castello Veneziano e giochi per i bambini. Il clou della festa è la sera: balli tradizionali di Balos nella piazza principale di Nàoussa dalle 19, e la rievocazione dell'assedio via mare dei Corsari inscenata nel porto dopo le 21.

Paros_Icona_della_Madonna_NaoussaLa festa è religiosa, perchè si ringrazia la Vergine Maria celebrando la Madonna della Dormizione, a cui è dedicata la Cattedrale. La Chiesa della Panaghia è aperta, illuminata, addobbata con mazzi di fiori e ghirlande verdi. L'icona della Madonna è adornata con bellissime corone di fiori freschi (foto). Visitando l'imponente Cattedrale si respira una bella atmosfera di festa e tutti si augurano "kronia pollà" (gli auguri greci)! Abbiamo cenato presto nella Taverna Romantica, poco sotto la Chiesa, per poter raggiungere il porto in tempo per l'arrivo dei pirati che sbarcano e rapiscono le donne di Paros. La taverna è a conduzione familare, cucina tipica greca a base di carne, ci ha serviti un ragazzino giovanissimo, ottima cena "very greek".

Come si può immaginare, la città è invasa da una folla infinita (altro che invasione dei corsari...).  Abbiamo così visto le due anime opposte di Nàoussa: al mattino candida, silenziosa e delicata nei movimenti delle poche persone in giro, e la sera gremita fino all'impensabile, gioiosa, festosa, con balli, musica, fuochi d'artificio e tradizioni locali che si mescolano alla curiosità dei tanti turisti come noi.

LAGERI (o Làggeri): si trova nella grande baia di Nàoussa, a est, ma pur essendo vicina alla città (circa 5 km) è una spiaggia isolata, discreta, totalmente selvaggia. Arrivando in località XIFARA, godendo dei bei paesaggi della costa bassa, frastagliata e pittoresca, si supera la Taverna Siparos e si prende una stradina stretta per la Chiesa Zoodochos Pigi.  Si lascia l'auto poco dopo, appena si incontrano altre macchine posteggiate e ci si prepara per una piacevole passeggiata di dieci minuti (o venti minuti se si contempla il paesaggio, facendo un servizio fotografico, come abbiamo fatto noi). 

La Chiesetta di Zoodochos Pigi  è bianca abbagliante, a picco sul mare turchese, ... fantastico!







La spiaggia di Làgeri è molto appartata, forse per questo frequentata anche da naturisti e prediletta da coppie gay, ma la bellezza di questo posto sta proprio nella libertà con cui ciascuno vuole godersi il relax.  Per chi non volesse fare la passeggiata, o non avesse l'auto, è comodamente raggiungibile da Nàoussa con il taxi-boat a 6 euro.

Paros_Spiaggia_di_LageriNon ha alcun servizio, e neanche alberi ombrosi, solo qualche cespuglio; la sabbia è fine, così come il fondale del mare morbido di sabbia chiara. Bella, rilassante e tranquilla e, oltre a tutto ciò, ha una vista panoramica su Nàoussa, di fronte sull'altro lato del golfo.


Un consiglio: se siete da queste parti... non perdete la bella Taverna Siparos, proprio sulla strada, un ristorantino tutto in bianco, con un servizio molto curato, prezzi un briciolo più alti, ma da provare! I piatti sono buonissimi e presentati in modo originale, da fotografare prima ancora di assaggiarli!

Paros_XifaraIn zona Xifara, tra la deviazione per Làgeri e la taverna, c'è una sottile striscia di sabbia che unisce la costa con un isolotto di fronte.... quasi caraibico... magari ci andiamo la prossima vacanza. Basta cercare una stradina pedonale in mezzo ai terreni recintati delle ville sul mare.

SANTA MARIA: è una spiaggia all'estremità nord della costa orientale, appena oltre il golfo di Nàoussa. Arrivandoci di pomeriggio l'abbiamo trovata davvero molto affollata, e quindi ci siamo fermati giusto il tempo di una foto. Qui abbiamo sentito parlare solo italiano! 

Paros_Spiaggia_di_Santa_MariaMagari al mattino presto si riesce ad apprezzare meglio la bellezza oggettiva di questa lunga baia, metà attrezzata con ombrelloni di paglia e metà libera.  La sabbia è fine e dorata, il mare trasparente, ma la poesia termina nel momento in cui si è raggiunti da un pallone....

Il beach bar Santa Maria allieta con la sua musica, ma noi preferiamo cambiare lido!

MIKRI' SANTA MARIA:  proviamo queste  vicinissime spiaggette.    Il posteggio non è comodo come a Santa Maria; meglio non avventurarsi fino in fondo alla strada per non rimanere incastrati, conviene lasciare l'auto appena si incontrano le prime. Si tratta di due piccole calette ("mikrì" significa piccola) divise da un promontorio, belle da un punto di vista paesaggistico: sabbia chiara finissima, quasi vellutata, e mare trasparente con il fondale sabbioso, ma sono  totalmente attrezzate con gli ombrelloni e i lettini, quindi gremite dagli amanti delle comodità.

Paros_Spiaggia_Mikri_Santa_MariaA noi invece piace di più stare scomodi... ma soprattutto preferiamo mantenere la distanza di sicurezza dai giocatori di tennis improvvisati e dagli urlatori professionisti che parlano ore al cellulare sotto l'ombrellone; quindi scattiamo una foto, ammiriamo il panorama e torniamo verso casa.

FARANGA:  (o FARAGGA o FARAGAS...a seconda delle mappe) Abbiamo dedicato una intera mattinata a questa bella spiaggia che si trova sulla costa sud, poco prima di raggiungere la punta più meridionale  (Akrotiri Fanòs o Capo Fanòs) arrivando da ovest. E' facile da trovare, basta seguire le numerose indicazioni. Il parcheggio non è ampio, a metà giornata è già pieno. E' una spiaggia meravigliosa, ma va vista di mattina! Se fossimo arrivati dopo mezzogiorno, non ci saremmo fermati, e avremmo perso un dono che la natura ha fatto a Paros. L'accesso è diretto dal ristorante-bar della spiaggia, grazioso e ordinato, che gestisce la parte attrezzata con lettini e ombrelloni di paglia. La bellezza della piccola baia e lo stile del locale richiamano molti turisti (come sempre le spiagge attrezzate sono affollate di italiani), ma metà lido è comunque libero... se trovate posto da una certa ora in poi. 

Paros_Spiaggia_di_FARANGACome spesso accade i bagni attrezzati occupano i luoghi più incantevoli, e questo non fa eccezione: la sabbia dorata è finissima, sembra setacciata, il fondale del mare è vellutato e l'acqua è sorprendentemente trasparente! Non per niente è considerata una delle spiagge più belle, ed è anche riparata dal vento. Tutta l'area costiera intorno a Faranga è molto bella, con l'auto si può percorrere la strada che costeggia il mare, con le sue casette bianche e le ville seminascoste dal verde dei loro giardini. Ai lati di Faranga vi sono delle calette più piccole, e la vegetazione dietro la spiaggia offre un bel contrasto di colori.

Ad un paio di km da Faranga  siamo passati da ALIKI', un paesino proprio sul mare, una delle pochissime località costruite e sviluppate sulla costa, grazioso, con alcune taverne concentrate sopra i moli, l'ideale per godersi un pranzo osservando le barchette dei pescatori e la spiaggia brulicante di bimbi che giocano.  E' un villaggio che ispira un senso di pace e semplicità, pur essendo movimentato.

MONI' CHRISTOU DASOS (MONASTERO di CRISTO del BOSCO): iniziamo una nuova giornata visitando questo monastero dedicato ad Agios Arsenios, a pochi km a sud di Parikià, ben indicato sulla strada in corrispondenza della deviazione per la valle delle farfalle. 

Paros_Monastero

Si trova su una collina alta 150 metri, ma si sale velocemente e la vista panoramica sull'isola di Antiparos e e sugli scogli che spuntano dal mare è spettacolare! La grande Cattedrale di Christou Dasos nella sua imponenza emana una luce bianca abbagliante.


Paros_Monastero_femminile_Christou_Dasos

Proprio di fianco vi è il Convento femminile (nella foto) abitato e curato da un gruppo di monache, che si può visitare negli orari 9-12 e 18-20. Si  fatica un pò ad aprire il cancello se non è ancora entrato nessuno; negli orari di visita si può suonare il campanello, una volta entrati nel cortile, per poter visitare la Chiesa di Agios Arsenios, bella e suggestiva.

Paros_Monastero_vista

Noi siamo entrati un pò timidamente ringraziando la piccola e anziana monaca; abbiamo avuto la fortuna di arrivare insieme ad una famiglia greca che si è fatta dare le chiavi della cappella all'interno del complesso monastico.  

Curioso il paesaggio sottostante incorniciato da un arco con tre campane... ottimo spunto per foto originali!  Un posto che consigliamo di non perdere!


AGIA IRINI: è costituita da due spiagge di sabbia separate, una caratterizzata da palme (piuttosto anomale...) e l'altra da più ordinarie tamerici. Noi optiamo per la prima: PALM BEACH, ma il forte meltemi di oggi  ed il mare agitato hanno fatto sparire la stretta striscia sabbiosa. 

La spiaggia è deserta, bisognerebbe tornare con condizioni di vento diverse e mare calmo per godere di questa particolare spiaggetta simil-tropicale. Al  mattino gli alberi le fanno ombra, ma verso sera è l'ideale per il tramonto! Alle sue spalle vi è il beach bar Palm Beach attrezzato con comodi lettini.

BAIA DI KRIOS - MARTSELO: avendo letto che a nord di Parikià il golfo è riparato dal vento, ci spostiamo in questa baia bella ampia, con vista sulla Xòra e sul viavai delle navi.  Vi sono diverse deviazioni che scendono al mare, noi siamo andati verso il fondo. Proprio alla fine arriva il taxi-boat che fa avanti e indietro in continuo dal porto di Parikia.  Qui la spiaggia è libera, ampia, sabbiosa, con qualche alberello sparso, ma oggi il vento ci invoglia a cercare la comodità dei lettini del Paradiso Club, con i classici ombrelloni di paglia e un bel beach bar con self-service, dove abbiamo pranzato (ombrellone e lettini a 7 euro).

Paros_Spiaggia_di_MARTSELO

La sabbia è dorata e fine, bellissimo il mare dalle mille sfumature di colori dall'azzurro al verde, con la Xòra che fa da sfondo mentre si fa il bagno, il fondale sabbioso degrada gradualmente ed il mare è calmo anche con il meltemi. 


Verso la metà della baia di Krios-Martselo, che è un tutt'uno anche se sono diversi gli accessi e si interrompe a causa di alcuni scogli, la spiaggia si restringe molto, occupata da una fila di ombrelloni (gratis per chi consuma al bar) in corrispondenza del campeggio.  Se non avessimo saputo di essere in terra ellenica, avremmo potuto pensare di essere... in Toscana,...  totalmente occupata da italiani!

Per finire la perlustrazione della zona, proseguendo sulla strada che diventa sterrata e passa in mezzo a qualche villetta,  raggiungiamo il CAPO DI AGIOS FOKAS, l'estremità che chiude il semicerchio del golfo di Parikià: da un lato la baia nella sua interezza, dall'altro lato il mare aperto, più agitato e increspato. Questa è la punta che accoglie i turisti sul traghetto prima di sbarcare al porto, e arrivarci è ancora più emozionante riconoscendo il luogo visto da lontano.

Paros_Agios_Fokas

Scenografica è la bianca Chiesetta di Agios Fokàs, con la cupola di un azzurro brillante, che pare appena verniciata. Sulla punta c'è il monumento in memoria dei morti di un naufragio avvenuto nel 2000 che molti ricorderanno dalle notizie dei giornali.


PARIKIA': e finalmente è arrivato il momento di concentrarci sulla  Xòra, la capitale di Paros! Giusto per sapere come pronunciare il suo nome, al chiosco delle info turistiche, che è all'interno del mulino al porto, ci hanno detto che si può dire Parikìa o Parikià (ma non Parìkia, come solitamente si sente tra gli italiani...). 

La prima tappa,  alle 8 del mattino, è al MUSEO ARCHEOLOGICO, subito dietro la Basilica della Ekatonpiliani, collegati tra loro da una strada lastricata. Biglietto onestissimo a 2 euro, aperto dalle 8 alle 15, chiuso il lunedì. 

Paros_Museo_1

Il Museo è piccolo, ma ben tenuto, ha uno spazio espositivo esterno (foto), dove si possono ammirare parti di mosaici ben conservati, capitelli, contenitori funerari, sarcofagi dell'epoca ellenistica. Nelle sale interne sono esposti oggetti e statue che vanno dal periodo geometrico fino all'epoca romana, molti dei quali provenienti  dal Tempio di Atena (patrona di Parikià) e Artemis del VI secolo a.C. che era situato nella parte più alta della città, dove ora sorge la Chiesa di Agios Costantinos e Agìa Elèni.

In una saletta a parte sono esposti i ritrovamenti del Santuario di Apollo, emersi dagli scavi iniziati nel 1997 sull'isolotto disabitato di Sàliagos ad ovest di Antiparos; questo sito archeologico di Despotikò è raggiungibile con le barche che fanno le gite. 

Paros_Museo__Statua_di_Gorgona_(o_Medusa)

In un'altra sala si trova la bella e inquietante statua di Gorgona (foto), o Medusa, del VI secolo a.C., un terribile mostro che viveva nei mari. Nell'antichità gli amuleti a forma di Gorgona esorcizzavano gli spiriti maligni e venivano indossati dai guerrieri.  Accanto una grande statua del 480 a.C. di una divinità seduta, probabilmente Artemis, ritrovata nel 1885.  Pezzo forte è la statua di una Nike (Vittoria) ritrovata nella zona del kastro di Parikià nel 1885; è una giovane figura femminile con i sandali (mentre non sono stati trovati la testa e le armi) scolpita nel 480 a.C. per la vittoria dei Pariani sugli Ateniesi.  Tra le altre, notiamo una statua a figura intera della dea Artemis,  che proviene dagli scavi del Santuario di Delion, qui a Paros.  Ultimo ricordo di questa visita: un rilievo che raffigura la scena di un leone che attacca un toro (ca. 500 a.C.) trovato nel pavimento della Chiesa Ekatonpiliani,  monumento dedicato al grande poeta lirico ARCHILOCO che visse a Paros, e che fu ucciso durante una battaglia contro gli abitanti di Naxos nel VII secolo a.C. 

BASILICA di EKATONPILIANI (dalle CENTO PORTE): è imponente,  suggestiva, e  ispira un senso di profonda spiritualità.  

Noi l'abbiamo visitata diverse volte, di giorno e di sera, è aperta dalle 7 del mattino alle 24, e all'interno del suo cortile è possibile visitare il Museo Bizantino.  La maestosa Chiesa dedicata alla Dormizione della Madonna è molto venerata nel mondo cristiano, importante monumento bizantino del IV secolo. Si possono trovare molte leggende sulla costruzione di questa chiesa in marmo bianco e rosa; la più suggestiva racconta che sono state finora ritrovate solo 99 porte e che, quando verrà individuata la centesima, Costantinopoli tornerà ad essere la capitale della cristianità.

Paros_Ekatonpilianes

E' interessante passeggiare intorno a tutto il complesso monastico monumentale, in parte circondato da una pineta, per rendersi conto dell'imponenza della costruzione della Basilica, delle sue cappelle, del battistero e delle celle monastiche.


Paros_Ekatonpiliani

Una volta entrati, prima nel cortile e poi nella Basilica principale a croce (che era parzialmente in ristrutturazione) si può visitare ogni angolo.  Le antiche cappelle adiacenti ispirano un senso di devozione e rispettosa soggezione; molto belle le icone d'argento della Madonna.

LA XORA: immancabile il giro nel centro storico della città, che regala innumerevoli scorci candidi in perfetto stile cicladico, e incantevoli cascate di fiori e di bouganville. Gli abitanti di Paros sembra che facciano le gare, ancor più che in altri posti, per abbellire le loro case con vasi di fiori e piante rampicanti  dai colori sgargianti, che contrastano con il bianco abbagliante delle costruzioni e delle vie.

Molto belle le fontane in marmo di Mavroghèni (nella foto) che si incontrano percorrendo le stradine del centro e accattivanti i negozi che espongono i prodotti tipici dell'isola, i souvenir e i gioielli. Ogni angolo che si svolta è l'occasione per una foto: una scaletta, un portico, una chiesetta o semplicemente una tipica casetta bianca con le finestre blu!

In mezzo a questo girovagare, cercate il Castello Veneziano, costruito dal Duca di Naxos Sanoudo (lo stesso del kastro della Xora di Naxos) nel XIII secolo. Dal lungomare a destra del porto è ben indicata una scala che vi porta proprio al Castello Franco (Frankish Castle); rimane oggi ben visibile una grande torre rettangolare costruita con il marmo e le colonne degli antichi templi greco-romani che sorgevano in questa parte alta della città.

Ancora più in alto, tra varie chiesette sparse qua e là, spicca in zona molto panoramica la Chiesa di Agios Costantinos e Agìa Elèni, che svetta bianca e azzurra e regala uno scorcio sul lungomare di Parikià e su tutto il golfo, fino al Capo di Agios Fokàs. Si possono vedere ancora i resti di ciò che rimane (per la verità solo qualche pietra....) dell'antico Tempio di Atena e Artemis.  In pratica il kastro è un intero quartiere di case costruite intorno alla torre del Castello Veneziano, da scoprire passeggiando.

La più fotografata, invece, è la Chiesetta di Agios Nikolaos, proprio al porto, che dà il benvenuto quando si arriva con il traghetto.

LIVADIA è la spiaggia di PARIKIA', sabbiosa, lunga, tranquilla pur essendo vicina alla città; alterna tratti attrezzati con gli ombrelloni e zone di spiaggia libera abbastanza ampie. 

Paros_Livadia

In pieno agosto non l'abbiamo trovata affollata, al  contrario di altre, forse perchè molti non la prendono in considerazione, ma è comunque comoda e rilassante, sempre molto riparata.  Il mare chiuso della baia è calmo anche in presenza di vento e nonostante  il transito delle grandi navi dirette al porto.  Il fondale basso è di sabbia fine e invita a fare delle "sane" passeggiate in acqua.


VALLE DELLE FARFALLE (PETALOUDES):  grazioso intermezzo tra una spiaggia e l'altra, da visitare magari insieme al Monastero Christou Dasos. A 6 km a sud di Parikià la deviazione porta in alto a 200 metri di altezza, con paesaggi stupendi su Antiparos e le altre isolette.   E' un piccolo boschetto dove si può fare una breve passeggiata al fresco (ingresso 2 euro).

Paros_Petaloudes

Niente di memorabile, ma si può curiosare tra fichi, albicocchi, melograni e ulivi, cercando le farfalle "panaxia quadripunctaria" appoggiate sulle foglie. Queste farfalle notturne di giorno si riposano, quindi si possono osservare immobili, ma solo nella stagione estiva. Da inizio settembre lasciano questa zona per deporre le uova altrove, poi a maggio i bruchi si trasformano in crisalidi per diventare  farfalle in giugno e quindi ritornare in questa piccola area verde attirate dalla resina degli alberi.


KOLIMBITHRES:  questa particolare spiaggia a nord-ovest forse è la più famosa e citata di tutta l'isola.  Noi abbiamo anticipato tutti: alle 9 del mattino è deserta, l'ideale per una passeggiata e qualche scatto fotografico. La vista di Naoussa purtroppo è controsole, ma la zona è curiosa e vale la pena vederla, anche se non è così scenografica come la descrivono!

Paros_Kolimbitres

E' un insieme di calette divise da rocce scavate e originali scogli dalle forme più strane, levigati dal vento; le spiaggette sono completamente occupate dai lettini, belle ma piccole, ad una certa ora si affollano perdendo tutta la poesia; solo come info: ombrellone + due lettini a 8 euro.


Dopo qualche foto abbiamo puntato dritto verso la nostra meta principale: MONASTIRI, la spiaggia di AGIOS IANNI DETIS, dal nome della piccola chiesetta a fianco.  Non vi sono indicazioni, ma quando finisce la strada, dopo circa 4 km, siete arrivati ed il parcheggio è ampio.

La spiaggia sulla baia è molto bella, il mare ha colori spettacolari con sfumature di verde; intorno ci sono altre calette da scoprire, ed è anche raggiungibile con il taxi-boat da Naoussa. La spiaggia è totalmente attrezzata, e anche noi ci siamo fermati qui con 7 euro, anche se è possibile trovare qualche angolino laterale sotto gli alberi.  La sabbia non è delle migliori, paragonandola al "velluto" di altri lidi di Paros, ed il fondale è basso per un lungo tratto, per la gioia dei bambini.  Il mare è calmo e piatto come in una piscina semi-circolare. Un paradiso!

La spiaggia, chiamata anche BEACH of KATHOLIKO, e tutta la penisola di Ai Iannis Detis, fanno parte del  "PARCO"  istituito nel 2009 (www.parospark.gr),  un ente ecologico, culturale, sportivo, ricreativo che gestisce l'attività del beach-bar con criteri di risparmio energetico e rispetto ambientale. Vengono promossi festival musicali, rassegne di cinema e concerti nel teatro all'aperto a fianco della taverna.  La spiaggia ha aderito ad un progetto europeo "Life Ammos" vietando il fumo, come in altre 15 spiagge della Grecia.

Paros_FARO

Dal parcheggio partono due sentieri, ben indicati e numerati, che portano al FARO sulla punta estrema a nord;  è una passeggiata da non perdere, basta un'ora e un paio di scarpe comode, si può scegliere un sentiero all'andata e l'altro al ritorno per girare intorno al promontorio che vi separa dal faro. 

L'Ente Parco cura i sentieri e, mediante volontari e i ragazzi delle scuole, ha impiantato diversi tipi di fiori, cespugli e vegetazione che garantiscono distese colorate in primavera (...non in estate perchè è tutto arido) e ampia biodiversità. 

Paros_Mar_Egeo

Durante la passeggiata eravamo in balia del meltemi, che sferzava forte da nord, e rendeva ancora più selvaggio questo paesaggio ai confini estremi dell'isola. Oltre c'è solo il Mar Egeo aperto,  con le sue onde che si schiantano sulle alte rocce, proprio sotto di noi; è uno spettacolo della natura. 

Questa zona è stata ripulita e protetta per volontà di alcuni cittadini nel 2009, dopo decenni di abbandono e dopo gli anni '90 che hanno visto l'esplosione del turismo di massa, l'invasione di ombrelloni, disco-music e beach party.  I cittadini della zona, ribellandosi a questo degrado culturale e alla trasformazione del loro territorio, spinti da una Associazione e finanziati da sponsor, hanno sostenuto uno sviluppo eco-sostenibile della penisola creando il PARCO, realizzando strutture nel rispetto dell'ambiente e offrendo sport, cultura, relax e natura nel Teatro di Archiloco da 700 posti, il Cinema da 100 posti, il bar sulla spiaggia di Monastiri e i percorsi pedonali che portano al faro, al Park of Rocks e alla Grotta. In alcuni periodi dell'anno vengono organizzate escursioni guidate e si può partecipare al lavoro dei volontari.

Paros_chiesetta_Ag._Ioannis_Detis

Per salutare la spiaggia ci siamo fermati alla Chiesa di Agios Ianni Detis, (sul promontorio nella foto)  che dà il nome a tutta la zona, ed è curata dallo stesso Ente Parco; da qui si ammira il panorama a 360°, pur non essendo molto in alto.


Sulla via del ritorno, nel pomeriggio, le vedute su Naoussa sono incredibili; c'è la giusta luce per scattare delle foto memorabili!  

La luce abbagliante ed i colori intensi di Paros ci hanno regalato delle bellissime foto, da riguardare con un po' di nostalgia nei mesi invernali, nell'attesa di ritornare sull'isola bianca... come il marmo!

Maurizio e Michela























 


























www.tuttipazziperlagrecia.it.    Contatti: grecia2006.m@libero.it
Site Map